Scroll to top
  • ORARIO UFFICIO: 09.00 - 17.00

Come fare per far apparire un sito su Google

Internet rappresenta non solo il presente, ma anche il futuro del business, ecco perché è così importante imparare a fare le giuste mosse per massimizzare l’interesse degli utenti e aumentare così le possibilità di crescita e la visibilità. Innanzitutto occorre sapere come fare per far apparire un sito su Google, ovvero il motore di ricerca globale più utilizzato al mondo.

Un sito che non compare su Google è per certi versi un sito che non esiste, ovvero che ha ben poche possibilità di essere trovato dall’utente medio.

Questo significa che, anche investendo risorse e attenzione nella qualità, senza la giusta attenzione all’indicizzazione e al posizionamento il rischio sarà quello dell’irrilevanza e dello spreco di tempo. Per questo molti preferiscono affidarsi a dei professionisti del settore per avere la garanzia di comparire ai primi posti su Google e contattano agenzie specializzate come UAN Web di Padova che sapranno mettere in campo le strategie giuste per scalare la vetta e dare a ogni sito web la giusta e meritata visibilità.

Si pensi ad esempio a un’azienda che non è visibile nei principali motori di ricerca, ormai questo è uno dei criteri di cui si tiene conto per valutare la serietà e la competitività, quindi sarebbe un vero e proprio suicidio. Una volta creato il proprio sito, la tentazione immediata sarà quella di farlo comparire su Google, ma non sarà così semplice.

Prima o dopo il motore di ricerca americano è in grado di trovare tutti i siti esistenti ma è possibile mettere in pratica alcuni accorgimenti per aumentare la possibilità di essere presi in considerazione in tempi ragionevoli. Non tutti infatti possono permettersi il lusso di rimanere giorni o settimane fuori dai motori di ricerca. La prima mossa da mettere in atto dopo che si ha finalmente per le mani il proprio sito (es. www.miosito.it) è quella di visitare l’apposita sezione di Google dedicata alla segnalazione dei siti (https://www.google.com/webmasters/tools/submit-url?q&dq&submit=Aggiungi+URL&pli=1). Qui basterà inserire la propria Url e inviare la richiesta direttamente al motore di ricerca. A quel punto bisognerà aspettare che la domanda venga elaborata dal sistema.

Questo è solo un primo passo necessario per capire come apparire su Google, per ottenere dei risultati concreti si dovranno mettere in campo altre azioni. Innanzitutto si deve capire come funziona fattivamente il motore di ricerca così da agire di conseguenza in tempi brevi.

Il secondo passo utile per guadagnarsi l’attenzione di Google è quello di imparare ad utilizzare in modo rapido ed efficace uno strumento come Google Search Console (https://www.google.com/webmasters/tools/home?hl=it) messo a disposizione gratuitamente.

Si dovrà inserire l’indirizzo del proprio sito web e seguire le indicazioni per caricare un apposito file sul proprio server per verificare l’effettiva proprietà del sito web. Vi è poi un altro step molto importante che è necessario fare per essere su Google: l’invio della Sitemap, ovvero di un file Xml che contiene i file Url da indicizzare.

Esistono molti tool gratuiti per generare una Sitemap del proprio sito web che dovrà poi essere caricata sul server e segnalata a Google tramite una procedura specifica su Google Search Console. Dopo un periodo di tempo più o meno limitato questi accorgimenti dovrebbero essere sufficienti a far comparire il proprio sito web nei risultati delle ricerche di Google. Spesso però non è sufficiente comparire sul motore di ricerca, magari nelle pagine secondarie (quarta o quinta pagina dei risultati) per ottenere i risultati di visibilità sperati.

Per riuscire ad emergere e farsi trovare dagli utenti infatti, è necessario capire come apparire in alto su Google, e per riuscirci bisogna accrescere la propria visibilità pubblicando dei contenuti interessanti che sono in grado di massimizzare l’attenzione da parte di utenti e motori di ricerca.

I siti ai primi posti dei motori di ricerca sono quelli dotati di una SERP (Search Engine Results Page) ben costruita, e per ottenere questo obiettivo gli utenti hanno due differenti strade da percorrere: acquistare pubblicità a pagamento, con tutti i rischi del caso, oppure applicare delle tecniche SEO (Search Engine Optimization), ovvero un insieme di pratiche utili a dare visibilità a un sito web.

Si tratta di tecniche più o meno complesse, utili per capire come essere primi sui motori di ricerca, che vanno dalla ricerca degli argomenti del momento fino al social media marketing, agli article marketing e ai backlink di qualità. Ad esempio si potrebbe utilizzare uno dei servizi offerti gratuitamente da Google come Google Insight per attingere a statistiche nazionali e internazionali in tempo reale così da individuare le parole chiave più ricercate dagli utenti su ogni singolo argomento.

Acquistare visibilità a pagamento potrebbe forse sembrare la strada più veloce ma è sicuramente la meno consigliabile in quanto chi sceglie questa modalità è facilmente individuabile dagli utenti che potrebbero quindi orientarsi su chi ha ottenuto un buon posizionamento senza pagare. Ad esempio, quando si parla di siti legati ad aziende o a specifiche attività commerciali, potrebbe essere utile per ottenere un buon posizionamento ai primi posti su Google comparire su Google Maps. I primi risultati suggeriti dal motore di ricerca infatti, sono proprio quelli presenti sulle mappe.

Per fare questo occorre iscriversi alla dashboard Google My Business, in questo modo si potrà gestire e tracciare la presenza online della propria attività mediante alcune piattaforme tra cui Google Local e Google +.

Insomma, capire come fare per far apparire un sito su Google non è difficile, ma occorre dedicare tempo e attenzione a tutta una serie di operazioni al fine di ottenere un ottimo risultato in tempi brevi.

Una volta raggiunta la vetta (ovvero le prime pagine del motore di ricerca) occorrerà poi difendere i risultati ottenuti con le unghie e con i denti continuando a produrre contenuti di qualità e pertinenti.

Le mosse della concorrenza sono incessanti e, anche se potrebbe sembrare incredibile, non si dovrà per forza di cose effettuare degli investimenti per ottenere ottimi risultati e posizionarsi su Google.

Sarà sufficiente competenza, attenzione e soprattutto perseveranza per apparire sui principali motori di ricerca e cominciare ad aumentare la propria visibilità in modo straordinario e assolutamente impensabile solo fino a pochi anni fa.

Related posts